Categoria dei corsi dell'Area Didattica Differenziata

La proposta formativa che qui si avanza intende realizzare la rilettura critica dei volumetti della maestra di Volongo, avviando la riflessione sugli aspetti educativi che riscopriamo ancora preziosamente utili per gli interventi educativi nella prima infanzia, nonché la validità ancora attuale di questa metodologia, avviando la riflessione sui temi che la connotano, riguardanti:

1) L' "ambiente" della scuola delle sorelle Agazzi.

2) Il "clima affettivo relazionale" della  scuola di Mompiano.

3) La valenza  e il significato  della definizione di "scuola materna"dell'istituzione educativa per la

     prima  infanzia.

4 ) I principi ispiratori del metodo di Rosa Agazzi.

5) Il metodo "attivo" e l'ambiente educativo delle scuole agazziane.

6) La valenza didattica del "museo delle cianfrusaglie" (senza brevetto, così definite da G. L.Radice).

7) Gli strumenti didattici e l'uso dell'umile "contrassegno" .

8) Gli esercizi di vita pratica nell'attività scolastica della scuola di Agazzi.

9) Il ruolo dell'insegnante agazziano ispirato al ruolo della madre.

10)  Educazione estetica, morale, sensoriale e linguistica.

11) Sezione antologica.

12) Studio di un caso.

13) Didattica generale: Insegnare a imparare: elementi di didattica metacognitiva.

14) Considerazioni sulla valenza e l'attualità della metodologia agazziana nel tempo presente.

15) Verifiche e valutazione del corso.

Obiettivi del corso:

·         Riflessione  sugli studi e sulle teorie pedagogiche che hanno determinato in Italia la nascita delle Istituzioni educative per l'infanzia;

·         Conoscenza del Metodo Agazzi  e sue applicazioni;

·         Analisi degli aspetti culturali, psico-sociali e pedagocico-didattici del Metodo Agazzi;

·         Comprensione dell'organizzazione, del ruolo e della funzione della scuola dell'infanzia nella società  contemporanea e confronto con la realtà pedagogica della scuola italiana.